BUM BUM BUM

– PARTE 2 –

NON VEDO L’ORA DI DIVENTAR BAMBINO

Era timido quel bambino “così bravo e buono”, “che non si vede e non si sente”, “silenzioso e pensieroso” che ha iniziato a parlare molto, molto tardi.

I bambini, in genere, iniziano a parlare verso i 20/21 mesi, ma quel bambino no, quel bambino, a quasi 36 mesi, ancora non parlava. Il logopedista ed il pediatra che lo visitarono, tranquillizzarono i genitori e dissero loro che, il bambino, era semplicemente“pigro”, non aveva voglia di parlare e che, quindi, non c’era nessun problema medico.

Così, scampato il pericolo di un vero e proprio problema medico, ogni giorno, davanti ai suoi occhi, un lunghissimo viale di mattoni ed un giardino immenso pieno di giochi, di scivoli ed altalene, si riempivano di bambini come lui. Cioè più o meno della sua età. 

Nessuno sapeva che a lui, quel posto, faceva paura. Nessuno lo sapeva perché non lo aveva detto a nessuno. Ma lui lo sapeva bene, aveva percepito che c’era una strana energia. 

Osservava silenzioso quello strano ambiente dall’odore di colla di Vinavil, pastelli e tanta cattiveria.

BUM BUM BUM. Il suo cuore batteva forte forte ogni volta che arrivava l’ora di mangiare. 

Prima della preghiera, che faceva finta di pronunciare muovendo solamente le labbra, si sedeva vicino ad un suo piccolo compagno perché sapeva che, forse, lo avrebbe aiutato. Era uno dei pochi “eletti” a cui lui, di nascosto da tutte quelle vecchie signore con lunghi abiti neri, parlava.

Le suore passavano silenziose tra i tavoli di legno a versare il cibo nei piatti. Lui chinava la testa, impaurito. Annusava gli odori che riusciva a distinguere e cercava di calmare la sua mente. Si guardava attorno con i suoi grandi occhi scuri aspettando il momento giusto. Ecco, forse ora può versare il suo cibo nel piatto del suo piccolo aiutante.

Di colpo, un violento ceffone dietro la nuca lo coglieva di sorpresa. Una voce arcigna gli gridava di mangiare il proprio pranzo. Le lacrime del bambino si mescolavano al sapore acre delle verdure. 

A lui non piacevano proprio ma, la mano spigolosa di una vecchia suora, gliele infilava in bocca con la forza, incurante del pianto silenzioso che gli rigava il viso. Ad ogni rigurgito seguiva la stessa operazione: raccogliere tutto e rimetterlo in bocca. Perché “è un peccato sprecare il cibo”.

E così, preso di peso e portato in un angolo della sala a mangiare il suo stesso vomito, quel bambino aveva capito che urlare non serviva a nulla. Lo sapeva perché aveva osservato.

Pubblicato da OBIETTIVO BENESSERE

Ho creato un percorso fondato su nozioni scientificamente validate, cha aiuta le persone, che si sentono in una condizione non ottimale, a raggiungere un benessere fisico, mentale ed emotivo, con piccoli passi stimolanti e molto efficaci. Sono convinto che, ognuno di noi, nella propria vita, si sia trovato davanti ad una situazione difficile da gestire, che abbia sperimentato molteplici tecniche per stare meglio, ma non abbia poi avuto i risultati sperati. Nel corso degli anni, ho avuto gravi problemi fisici e disturbi psicologici piuttosto impattanti, derivati da una serie di esperienze vissute sin dall'infanzia e da fattori esterni. Per ritrovare il mio equilibrio ottimale ho fatto affidamento a molti specialisti e studi scientifici di comprovata efficienza internazionale, con discreti risultati. Le tecniche non erano sbagliate di per sé, ma non venivano considerate all'interno di un contesto multidisciplinare sapientemente strutturato. Dopo l'ultimo grave trauma, ho sperimentato su di me, con strabilianti risultati, i più aggiornati ed efficaci studi medico-scientifici internazionali - molti dei quali difficilmente reperibili - li ho approfonditi con l'aiuto di esperti e li ho accuratamente organizzati, creando un percorso che aiuta le persone a ritrovare e migliorare il proprio equilibrio fisico, mentale ed emotivo. Con una serie di video, audio, PDF e mappe mentali mi sono promesso di guidare le persone, in modo sano ed efficace, al raggiungimento di una profonda consapevolezza e all'attuazione degli elementi portanti del benessere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: