CHE TU CREDA DI FARCELA O MENO, AVRAI COMUNQUE RAGIONE

Significa che siamo noi, attraverso le nostre credenze, a creare la realtà che viviamo, e non viceversa come siamo abituati a pensare abitualmente.Che tu creda di farcela (e questa è la prima credenza) o di non farcela (seconda credenza), in ogni caso, le cose avverranno avverranno assecondando il tuo schema di pensiero. Quando nasciamo, ci viene “consegnato” uno scenario pre-costituito dentro al quale, oltre al nostro nome e cognome già belli e pronti ad essere da noi “indossati”, abbiamo trovato anche alcuni schemi di comportamento e di ragionamento a cui attenerci. Già il nome e il cognome non sono cosa da poco. Se ti fossi chiamato Vasco (invece di Francesco, Davide, Michele o altri nomi comuni) in qualche modo avrebbe influito sulla tua vita, così come lo fa il cognome, la città, il periodo storico in cui siamo nati e così via. Nel famigerato scenario pre-costituito troviamo una serie di elementi che potenzialmente ci influenzeranno. Sottolineo potenzialmente perché scopo di un percorso di presa di coscienza di sé, è anche quello di liberarci da questi schemi.

LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE NON ACCETTA UN AIUTO ESTERNO – COSA FARE?

Tutti noi siamo stati educati a fare tutto il possibile – e a volte l’impossibile – per aiutare gli altri. È un concetto che abbiamo profondamente radicato e che, senza dubbio, è encomiabile. A volte, però, nell’atto di aiutare gli altri possiamo soffrire un’emorragia emotiva che finisce per esaurire la nostra energia e distruggere il nostro equilibrio psicologico. Gli psicologi sanno che non è possibile aiutare chi non vuole essere aiutato. Ecco perché, in alcuni casi, è fondamentale capire che non tutti vogliono essere aiutati e non possiamo aiutarli.

POSSIAMO AIUTARE SOLO QUANDO L’ALTRA PERSONA ACCETTA IL NOSTRO AIUTO

Questo è il punto di partenza, possiamo aiutare solo quando l’altra persona accetta il nostro aiuto.

LO STUDIO SULLA GRATITUDINE E LA CORRELAZIONE CON LA SOLITUDINE E LA SALUTE FISICA

La gratitudine è stata concettualizzata come parte di un ampio orientamento disposizionale verso la percezione e l’apprezzamento del positivo nella vita (dagli studi effettuati da Wood, Froh e Geraghty). Studi emergenti stanno ora dimostrando che la gratitudine può svolgere un ruolo protettivo e predittivo nella salute fisica auto-riportata (Hill, Allemand e Roberts).

DISTORSIONI COGNITIVE ”L’IPERGENERALIZZAZIONE”

E’ una delle distorsioni cognitive più diffuse.

Si tratta di un fenomeno per cui un evento, un comportamento o un’esperienza, vengono percepiti come rappresentativi di una situazione generalizzata ed universale e non percepiti, invece, per quello che sono, ossia come un singolo evento, comportamento o esperienza.

EVITO LO STRESS? DIPENDE!

Siamo abituati a sentir parlare di stress in termini negativi eppure c’è uno stress funzionale, che ci aiuta a perseguire i nostri obiettivi e a migliorare le prestazioni.

ALLENA LA GRATITUDINE

SE PENSI DI NON AVERE NULLA PER CUI ESSERE GRATO, TI SBAGLI DI GROSSO!

Prova a guardarti intorno, dentro di te, cercando qualcosa di cui essere profondamente grata o grato. Lo so, a volte è difficile trovare qualcosa per cui esserlo. Eppure, se guardi con attenzione, c’è sempre qualcosa per cui essere grati. Osserva i bambini, loro sono inconsapevolmente grati per piccole cose ogni giorno, per questo hanno un sorriso così pieno di vita.

8 ACCORGIMENTI PRATICI PER UN SONNO PROFONDO E RISTORATORE

La produzione naturale sincronizza il ritmo circadiano, cosa che non accade quando l’assumi tramite capsule, perché il livello nel sangue si alza rapidamente e viene metabolizzata in maniera differente.

LE EMOZIONI – RICONOSCERLE ED AGIRLE

Le emozioni sono alla base della nostra vita, riflettici.

Quando nasciamo, nei primi anni di vita, l’unica cosa davvero importante sono le emozioni. Il pianto, il sorriso, lo stupore, la meraviglia, la paura, la felicità e via dicendo, sono le uniche pulsioni vitali importanti.

Lo stesso vale nella vecchiaia. Poco ci importerà dei soldi, del lavoro, se non abbiamo sviluppato un mondo emotivo ben bilanciato. La nostra memoria è basata sulle emozioni.

I NEURONI SPECCHIO E LE RELAZIONI

Sono quel ponte che ci collega, che ci lega gli uni agli altri e che, allo stesso tempo, ci permette di sperimentare tre meccanismi fondamentali:

Poter conoscere e comprendere ciò che la persona che abbiamo davanti sente o sperimenta (componente cognitiva)

Poter provare quello che la persona prova (componente emotiva)

Poter rispondere in modo compassionevole, dando vita a quel comportamento sociale che ci permette di avanzare in quanto gruppo.

NON SEMPRE CHI CHIEDE UN CONSIGLIO VUOLE UNA TROVARE UNA SOLUZIONE

In questo caso, il nostro interlocutore, non vuole una soluzione perché, ammesso che ci sia la soluzione perfetta, non la prenderebbe mai in considerazione adducendo una serie di scuse più o meno strutturate. Quindi cosa possiamo fare?

I WEBINAR DEL PROTOCOLLO DALL’OBIETTIVO AL BENESSERE

In questa pagina metterò a disposizione i webinar registrati, in ordine cronologico. Come puoi appurare tu stesso, si mantiene molta discrezione e il giusto anonimato. Interviene solo chi vuole farlo e le webcam possono restare spente (se si vuole avere maggiore riserbo) o accese, a seconda delle proprie personali esigenze. Le registrazioni non mostrano i cognomi a tutela della privacy.

IL DIALOGO INTERIORE MODIFICA LA BIOCHIMICA DELL’ORGANISMO

Non esiste una “realtà oggettiva”, ma esiste solo una situazione che percepiamo attraverso una serie di filtri che il nostro cervello applica automaticamente in base al contesto nel quale siamo cresciuti, a quello in cui viviamo, al contesto emotivo, comportamentale e linguistico.

E’, però, importante sapere che il contesto può essere cambiato. E’ stato dimostrato che, il modo in cui parli parliamo a noi stessi, modifica la biochimica del nostro corpo.

Ogni frase che ci ripetiamo ha delle forti ripercussioni a livello neurale ed ormonale. Inizia quindi a parlarti in modo consapevole e funzionale.

SAPERE E’ IMPORTANTE, AGIRE E’ FONDAMENTALE

Quando la semplice conoscenza di un argomento non cambia la tua realtà.

Il nostro benessere migliora solo se mettiamo in pratica, quotidianamente, ciò che apprendiamo. Il solo fatto di sapere concetti importanti non cambia il nostro benessere.

7 TECNICHE EFFICACI PER MODIFICARE LE ABITUDINI DISFUNZIONALI

In questo articolo ti illustrerò 7 tecniche per fronteggiare, in modo funzionale, alcuni automatismi della mente e aiutarti a modificare delle abitudini per il raggiungimento dei tuoi obiettivi.

LA CONSAPEVOLEZZA NASCE DAI VALORI

Sono i VALORI a determinare chi siamo, dove andiamo e cosa vogliamo.

I valori sono fortissime convinzioni che ci guidano nel prendere le decisioni e raggiungere gli obiettivi.

Per questo è fondamentale conoscerli ed esserne consapevoli.

TECNICHE E BENEFICI DELLA RESPIRAZIONE DIAFRAMMATICA

TECNICHE E BENEFICI DELLA RESPIRAZIONE DIAFRAMMATICA

La respirazione diaframmatica è la respirazione naturale e ideale.

Nonostante questo, spesso la nostra respirazione è toracica e superficiale e non ci consente di inglobare tutto l’ossigeno che invece riusciamo a far entrare nel nostro corpo quando respiriamo utilizzando il diaframma.

5 RAGIONI PER CUI E’ FONDAMENTALE AVERE DEGLI OBIETTIVI CHIARI

Se sappiamo cosa vogliamo, agire di conseguenza diventa più facile. Quando affrontiamo gli ostacoli, gli obiettivi ci aiutano a fare delle scelte.

Senza una chiara direzione, ci sentiamo frustrati, disperati, soli e le scelte ci sembrano estremamente difficili.

Quando un obiettivo è definito, sappiamo cosa vogliamo e dove vogliamo arrivare, affrontare le difficoltà sarà più semplice se sappiamo cosa è importante per noi.

GLI OBIETTIVI TRA FANTASIA E REALTA’

In questo articolo ti descriverò alcuni esperimenti di psicologia che possono incoraggiarti a impegnarti per gli obiettivi che potrebbero cambiare la tua vita in meglio.

IL POTERE DI CHIEDERE AIUTO

PARTE 7 – NON VEDO L’ORA DI DIVENTARE BAMBINO

Molto spesso ci si convince, per una serie di circostanze, che chiedere aiuto sia un atto di vigliaccheria o di fragilità emotiva.

TEAM WORKING – COME COSTRUIRE UNA SQUADRA DI SUCCESSO

Come costruire un gruppo di lavoro di successo e come fare in modo che la squadra rimanga sempre vincente grazie al team working.

I PRESUPPOSTI PER LA FELICITÀ AZIENDALE

Le aziende che considerano la felicità dei loro dipendenti come una priorità su cui fare affidamento, sono in grado di realizzare una maggiore produttività e un migliore rendimento economico.

Inoltre, una condizione di benessere psicologico del personale, contribuisce ad attirare i migliori talenti disponibili nel mondo del lavoro.

Un’azienda felice, quindi, è anche un’azienda di successo.

LA NOSTRA VITA E’ UN’IMMENSA ESPLOSIONE DI ENERGIA

PARTE 6 – NON VEDO L’ORA DI DIVENTAR BAMBINO

Nel momento esatto in cui nasciamo, acquisiamo naturalmente un posto sacro nel mondo. Il nostro solo essere vivi, infatti, influenza totalmente le persone intorno a noi, creando potenti flussi emozionali.

GLI ALIMENTI DEL BUON UMORE

Esiste una ben nota e documentata relazione tra l’alimentazione e l’umore.

Basti pensare al diffuso stato di nervosismo che accompagna i primi giorni di dieta ferrea, o al senso di benessere associato all’assunzione di alcuni cibi come il cioccolato o altri cibi particolarmente graditi.

L’IMMENSO POTENZIALE DELLA MENTE

PARTE 5 – NON VEDO L’ORA DI DIVENTAR BAMBINO

La mente ha, per sua stessa natura, un potenziale immenso.

A noi adulti, purtroppo, lungo il percorso di crescita, hanno instillato l’arte della razionalizzazione, facendoci dimenticare l’immenso dono con cui nasciamo.

I BENEFICI DELL’INTELLIGENZA EMOTIVA

L’intelligenza emotiva coinvolge l’abilità di percepire, valutare ed esprimere un’emozione; l’abilità di accedere ai sentimenti e/o crearli quando facilitano i pensieri; l’abilità di capire l’emozione e la conoscenza emotiva; l’abilità di regolare le emozioni per promuovere la crescita emotiva e intellettuale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: