LO STUDIO SULLA GRATITUDINE E LA CORRELAZIONE CON LA SOLITUDINE E LA SALUTE FISICA

La gratitudine è stata concettualizzata come parte di un ampio orientamento disposizionale verso la percezione e l’apprezzamento del positivo nella vita (dagli studi effettuati da Wood, Froh e Geraghty). Studi emergenti stanno ora dimostrando che la gratitudine può svolgere un ruolo protettivo e predittivo nella salute fisica auto-riportata (Hill, Allemand e Roberts).

La ricerca trasversale, sebbene limitata, ha dimostrato che la gratitudine è associata negativamente ai sintomi somatici auto-riportati negli adulti e nei bambini e che respinge gli effetti nocivi dello stress sulla salute.

Inoltre, indipendentemente dalle caratteristiche della personalità e dalla desiderabilità sociale, la gratitudine migliora i comportamenti fisici per la salute come la qualità e la durata soggettiva del sonno, le disfunzioni diurne e la latenza del sonno.

LO STUDIO

La ricerca di O’Connell, O’Shea e Gallagher mira a sostenere e chiarire questo rapporto tra gratitudine e salute fisica, e a testare percorsi mediatici teoricamente guidati che possono chiarire questo effetto.

I partecipanti del progetto, un campione di 118 persone (67,8% donne), con variazioni di età dai 18 ai 59 anni (M = 30.6, SD = 10.7) sono stati reclutati on line, tramite annunci diffusi su Facebook, e-mail attraverso l’università, o attraverso il passaparola. Non è stato ovviamente corrisposto alcun compenso per il completamento dell’indagine. Hanno risposto prima alle voci demografiche (età, sesso, e nazionalità), poi alle valutazioni integrali di gratitudine (variabile predittiva), solitudine (variabile mediatore) e salute fisica (risultato variabile).

La gratitudine è stata misurata utilizzando il Questionario Gratitudine-6 (GQ-6, McCullough, Emmons, Tsang), una scala di autovalutazione che misura la frequenza e la forza con cui si prova gratitudine.

La solitudine è stata misurata utilizzando il National Institute of Health Toolbox Adult Social Relationship Loneliness Scale, uno strumento che misura i sentimenti di solitudine raffigurati come la percezione di essere soli o socialmente isolato dagli altri (Cyranowski).

La salute fisica è stata valutata con il PHQ (Schat, Kelloway e Desmarais), una breve scala di sintomi somatici autodichiarati che includono disturbi del sonno (item 1-4), mal di testa (item 5-7), episodi di infezioni respiratorie (item 12-14) e problemi gastrointestinali (item 8-11) per i quali i partecipanti devono indicare quali e con quale frequenza sono stati sperimentati nell’ultimo anno.

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO: GRATITUDINE, PERCHE’ NON DEVI MAI SOTTOVALUTARLA

I RISULTATI

Le due ipotesi iniziali

Ipotesi 1 La gratitudine sarà correlata negativamente in modo significativo alla salute fisica alterata auto-dichiarata.

Ipotesi 2 Questa relazione sarà mediata dalle percezioni di solitudine.

Sono state confermate dall’analisi dei dati che

La gratitudine, è risultata correlata negativamente con la solitudine e la salute fisica, così che coloro che hanno riportato livelli più elevati di gratitudine hanno riportato anche livelli più bassi di solitudine e salute fisica compromessa.

Questa analisi ha quindi confermato che vi è un significativo effetto totale di gratitudine sulla salute fisica e che questo rapporto è diventato non significativo quando si è tenuto conto anche dell’effetto della solitudine.

In altre parole, la gratitudine è risultata correlata negativamente e in modo significativo alla solitudine e la solitudine è risultata correlata positivamente in modo significativo alla salute fisica compromessa quando si controlla la gratitudine.

In sintesi, lo studio ha confermato l’ipotesi degli autori: l’associazione negativa tra gratitudine e danno alla salute fisica è significativamente mediata dalla solitudine.

Il presente studio afferma che la gratitudine è significativamente correlata alla salute fisica auto-dichiarata, sintomi somatici specificamente percepiti, in un campione adulto. Questo studio fornisce nuove prove preliminari che la gratitudine è correlata al miglioramento della salute fisica attraverso la riduzione di esperienze soggettive di solitudine.

Questo è il primo studio a considerare la solitudine come fattore psicosociale di fondo che può spiegare, in parte, l’associazione tra gratitudine e sintomi fisici di salute. Allo stesso tempo, contribuisce a una migliore comprensione del concetto di legami solitudine-salute.

Per spiegare questo fenomeno a livello teorico ci sono una serie di resoconti plausibili. La teoria della gratitudine (di Algoe), ad esempio, evidenzia il ruolo funzionale della gratitudine nel rafforzare le relazioni esistenti con gli altri ed i legami sociali.

Successivamente, questi sentimenti di connessione e vicinanza con gli altri possono mitigare i sentimenti di solitudine, tipicamente caratterizzati da sentimenti di disconnessione sociale (in base agli studi di Lim, Gleeson, Jackson e Fernandez).

Una concettualizzazione più generalizzata della gratitudine come orientamento di vita, potrebbe anche sostenere che, le persone riconoscenti si avvicinano, vedono e valutano le circostanze quotidiane e gli incontri con le persone in una luce più positiva.

In questo modo, è più probabile che percepiscano le loro relazioni con gli altri in modo favorevole, così da rendere meno probabile una rappresentazione delle proprie relazioni sociali come mancanza di connessione e vicinanza, come accade con la solitudine. Pertanto, la gratitudine può plasmare il modo in cui uno vede e valuta le proprie relazioni sociali.

I LIMITI

Per quanto riguarda i limiti, i risultati di questo studio sono limitati dalle caratteristiche del campione e dal disegno della sezione trasversale.

Ad esempio, oltre ai sintomi di salute più acuti e transitori valutati, sarebbe utile disporre di maggiori informazioni sulle condizioni croniche e sui marcatori oggettivi della salute fisica, per capire se la gratitudine influisce sui sintomi fisici reali, sull’interpretazione e sulla segnalazione degli stessi, o su entrambi. Inoltre, questa struttura impedisce di trarre conclusioni definitive su cause ed effetti.

PROSPETTIVE FUTURE

Questi risultati si aggiungono a ricerche sostanziali che raccomandano di promuovere la gratitudine e forniscono nuove prove preliminari che la gratitudine può essere una costruzione psicologica positiva e benefica da incorporare in interventi mirati alla solitudine.

Data la scarsità di interventi fortemente progettati ed empiricamente stabiliti per coltivare le relazioni sociali e le richieste di interventi per rafforzare la vicinanza sociale e altre antitesi della solitudine, questa linea di indagine è tempestiva e necessaria. Pertanto, si raccomanda un ulteriore lavoro sperimentale e di intervento che sfrutti i vantaggi della gratitudine per migliorare le relazioni come modo per alleviare la solitudine.

Infine, si prevede che questo servirà da stimolo per il lavoro futuro su come la gratitudine è legata alla salute fisica, con particolare attenzione a percorsi mediatici ed effetti condizionali. Ciò richiederà in futuro studi per incorporare disegni sperimentali e longitudinali e marcatori oggettivi di salute fisica in diverse popolazioni di interesse.

Il recente studio di O’Connell, O’Shea e Gallagher del 2016 fornisce nuove prove preliminari riguardanti la correlazione tra gratitudine e miglioramento della salute fisica, attraverso la riduzione di esperienze soggettive di solitudine. Infatti, se la gratitudine riesce a promuovere relazioni sociali più stabili e positive, la solitudine porterà inevitabilmente all’effetto opposto.

La teoria della gratitudine, ad esempio, evidenzia il ruolo funzionale della gratitudine nel rafforzare le relazioni esistenti con gli altri ed i legami sociali.

Successivamente, questi sentimenti di connessione e vicinanza con gli altri possono mitigare i sentimenti di solitudine, tipicamente caratterizzati da sentimenti di disconnessione sociale.

Questo studio fornisce, quindi, nuove prove preliminari che la gratitudine può essere una costruzione psicologica positiva e benefica che può plasmare il modo in cui uno vede e valuta le proprie relazioni sociali e che, pertanto, sarebbe da incorporare ad interventi mirati al costrutto della solitudine.Inoltre, per quanto riguarda i limiti della ricerca di O’Connell, O’Shea e Gallagher, sarebbe utile disporre di maggiori informazioni sulle condizioni croniche e sui marcatori oggettivi della salute fisica, per capire se la gratitudine influisce sui sintomi fisici reali, sull’interpretazione e sulla segnalazione degli stessi, o su entrambi.

Gli altri ricercatori di tali studi sono: Hill, Froh, Yurkewicz, Kashdan, Krause, Wood, Joseph, Lloyd, Atkins, Lim, Gleeson, Jackson, Fernandez, Schat, Kelloway, Desmarais, McCullough, Tsang, Wood, Kok, Fredrickson, O’Connell, O’Shea, e Gallagher.


PER ACCEDERE ALLE MIGLIORI TECNICHE E STRATEGIE PER MIGLIORARE IL TUO BENESSERE FISICO, MENTALE ED EMOTIVO CLICCA SUL LINK DEL PROTOCOLLO

DALL’OBIETTIVO AL BENESSERE


Pubblicato da OBIETTIVO BENESSERE

Ho creato un percorso fondato su nozioni scientificamente validate, cha aiuta le persone, che si sentono in una condizione non ottimale, a raggiungere un benessere fisico, mentale ed emotivo, con piccoli passi stimolanti e molto efficaci. Sono convinto che, ognuno di noi, nella propria vita, si sia trovato davanti ad una situazione difficile da gestire, che abbia sperimentato molteplici tecniche per stare meglio, ma non abbia poi avuto i risultati sperati. Nel corso degli anni, ho avuto gravi problemi fisici e disturbi psicologici piuttosto impattanti, derivati da una serie di esperienze vissute sin dall'infanzia e da fattori esterni. Per ritrovare il mio equilibrio ottimale ho fatto affidamento a molti specialisti e studi scientifici di comprovata efficienza internazionale, con discreti risultati. Le tecniche non erano sbagliate di per sé, ma non venivano considerate all'interno di un contesto multidisciplinare sapientemente strutturato. Dopo l'ultimo grave trauma, ho sperimentato su di me, con strabilianti risultati, i più aggiornati ed efficaci studi medico-scientifici internazionali - molti dei quali difficilmente reperibili - li ho approfonditi con l'aiuto di esperti e li ho accuratamente organizzati, creando un percorso che aiuta le persone a ritrovare e migliorare il proprio equilibrio fisico, mentale ed emotivo. Con una serie di video, audio, PDF e mappe mentali mi sono promesso di guidare le persone, in modo sano ed efficace, al raggiungimento di una profonda consapevolezza e all'attuazione degli elementi portanti del benessere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: